Mario Magarò

FREELANCE JOURNALIST

Morales rivuole il mare

L’Espresso – Il Governo di Evo Morales è tornato alla carica per ottenere uno sbocco sul mare in favore della Bolivia. Il recupero della fascia costiera intorno ad Antofagasta, persa nella Guerra del Pacifico contro il Cile, è al centro della politica estera boliviana da più di un secolo. In occasione della “Giornata del mare” il leader indigeno ha detto di voler rivolgersi al Tribunale internazionale dell’Aia per ripristinare gli antichi confini; una mossa decisamente controversa. Nel 2006 Morales aveva firmato con l’ex presidente cileno Bachelet un memorandum di 13 punti che includeva una revisione del tema marino. La decisione unilaterale presa dal presidente boliviano ha colto di sorpresa il governo di Santiago. Morales ha proposto al giudice spagnolo Baltasar Garzón, famoso per il caso Pinochet, di dirigere il team di esperti che presenterà la domanda all’Aia; un incarico a cui il giurista ha dovuto rinunciare per questioni di incompatibilità legate al suo ruolo di magistrato. All’ex ministro della Difesa, Ruben Saavedra, è stata affidata la gestione della neonata Direzione per la Rivendicazione marittima. Dal canto suo il Cile promette battaglia.