Mario Magarò

FREELANCE JOURNALIST AND RESEARCHER

In fuga l’ex medico di Chávez

L’Espresso – Non si parla della salute di Hugo Chávez. Il dottor Salvador Navarrete, ex chirurgo di fiducia del “Comandante” dal 2002 sino a quando il presidente venezuelano ha deciso di avvalersi di soli medici cubani, ha lasciato in fretta e furia il Venezuela dopo che la polizia ha perquisito il suo studio. Un chiaro avvertimento per Navarrete, reo di aver sostenuto che a Chávez restano solo due anni di vita perché sofferente per un “cancro pelvico molto aggressivo”. Una diagnosi che contrasta con la versione ufficiale dei nuovi specialisti che lo hanno in cura, sostenendo che “In solo quattro mesi e dopo un ciclo di quattro trattamenti di chemioterapia tra l’Avana e Caracas, il presidente è completamente guarito”. La salute di Chávez è uno dei temi che domineranno la prossima campagna elettorale, già annunciata bollente ad 11 mesi dal voto. Sono tanti i venezuelani a pensare che in realtà Chávez stia molto male e le parole di Navarrete hanno lasciato il segno. Anche l’opposizione, con in testa Pablo Pérez ed Enrique Capriles, segue l’evolversi della situazione, pronta a sfruttare risvolti insperati sul terreno politico. Il leader bolivariano, dal canto suo, sta cercando di trasformare la malattia in un perfetto volano elettorale: nonostante le precarie condizioni continua sulla strada delle nazionalizzazioni (ultimo il paradiso naturale di Los Roques) e degli attacchi agli Usa in politica estera.