Mario Magarò

FREELANCE JOURNALIST AND RESEARCHER

Chevron accusata di disastro ambientale

L’Espresso –  Nuovi guai giudiziari per il colosso del petrolio Chevron. Ad un anno dalla multa-record di 9 mila milioni di dollari comminatale in Ecuador, la multinazionale statunitense è accusata di disastro ambientale dalla giustizia brasiliana. Durante dei lavori di perforazione petrolifera nel novembre 2011, circa 2.400 barili di greggio hanno contaminato le acque al largo di Rio de Janeiro. I pubblici ministeri ritengono che la Chevron non disponesse delle attrezzature necessarie per contenere la fuoriuscita di petrolio, avendo inoltre mentito, nelle fasi iniziali, sulla reale portata del disastro. Secondo Carlos Minc, ex ministro dell’Ambiente, “c’e stata molta sete di lucro e poca prevenzione”. Sono 17 i dirigenti della multinazionale sotto accusa, impossibilitati a lasciare il Brasile, secondo quanto stabilito dal tribunale, sino alla conclusione delle indagini. Rischiano fino a 31 anni di carcere, una pena a cui si dovrà aggiungere l’eventuale risarcimento economico. Probabilmente miliardario.